Ospitalità e accoglienza religiosa in Italia 

Soggiorni per gruppi, singoli e famiglie nelle strutture religiose e laiche: Conventi, Monasteri, Eremi, Santuari, Case di accoglienza, Istituti e Case religiose, Foresterie, Case parrocchiali, Case per Ferie, Alberghi, Campeggi, Casali, Ostelli, Case alpine, B&B, Case Scout, Studentati, Terreni per tende

125.335
Posti letto

4.009
Strutture censite

1.725
Strutture aderenti

810
Accessi disabili

1194
Impianti sportivi

1123
Sale riunioni

  • ORICARD APP

    Scarica l'Oricard App

    L'applicazione gratuita con sconti e agevolazioni nelle strutture!

    Oricard App per Iphone
    Oricard App per Android

  • Eremi

    Ritiri e incontri di gruppi

    Conventi, eremi e monasteri

  • GUIDA OSPITALITA RELIGIOSA 2019

    La nostra guida cartacea

  • città d'arte

    Città d'arte e luoghi dello spirito

    Alberghi, Case per Ferie, Istituti religiosi

  • Santuari

    Pellegrinaggi, riti ed esperienze

    Santuari, Abbazie e Foresterie

  • Monasteri

    Campi scuola

    Oratori, Case canoniche, Case parrocchiali

  • lago

    Colonie e campi Scout

    Ostelli, Locande, Case Scout

  • mare sicilia

    Ferie, vacanze e turismo estivo Case per Ferie, Alberghi, Residence

    Case per Ferie, Alberghi, Residence

  • Conventi

    Convegni, corsi e conferenze

    Istituti, Seminari, Case del Clero

  • Baite casali

    Soggiorni estivi montani

    Baite, Casali e Case vacanza

  • Montagna

    Soggiorni in autogestione

    Case di accoglienza, Cascine e Ville

  • Mare

    Week end e soggiorni estivi

    Case religiose, Appartamenti e Pensioni

  • Case per ferie

    Passeggiate in alta montagna

    Case alpine e Rifugi

  • Lago

    Soggiorni sui laghi

    Terreni per tende, Campi Scout, Campeggi

  • Montagna

    Settimane bianche

    Baite e Case alpine

  • istituto universitario

    Ospitalità per universitari

    Collegi, Convitti e Residenze universitarie

La Basilica di San Pietro in Vincoli ospita la tomba di Giulio II, collocata sopra il celebre Mosè scolpito da Michelangelo, a cui il pontefice aveva commissionato nel 1505 la realizzazione del suo Mausoleo. Dopo una genesi complessa e sofferta, segnata da rotture e riappacificazioni tra il Papa e l'artista, nel 1545 venne finalmente terminata l'opera, descritta dallo stesso Michelangelo come la "tragedia della sepoltura".

La colossale statua, che costituisce il vero capolavoro del monumento funebre, ritrae il personaggio biblico solennemente seduto con le Tavole della Legge sotto il braccio, mentre con l’altra mano si arriccia la barba, che secondo il Vasari fu scolpita con una tale perfezione da sembrare più “opera di pennello che di scalpello”. Il momento rappresentato è quello successivo alla consegna dei Comandamenti sul monte Sinai, quando Mosè trova gli israeliti intenti ad adorare un vitello d’oro.

Il liberatore del popolo d'Israele, quindi, è profondamente adirato e sembra sul punto di alzarsi per distruggere ogni cosa. Un'ira perfettamente espressa dalle vene gonfie e dai muscoli in tensione, ma soprattutto dal volto contratto in cui spicca uno sguardo accigliato e severo non a caso definito "terribile". Le corna sul suo capo deriverebbero, invece, da una traduzione errata del Libro dell'Esodo in cui si narra che Mosè, mentre scendeva dal Sinai, aveva la fronte illuminata da due raggi.

L'ebraico karan o karnaim (raggi) potrebbe essere stato confuso con keren (corna), dando origine a questa particolare iconografia. Tuttavia il tratto veramente distintivo dell'opera è la lieve linea di frattura visibile sul ginocchio del Mosè, legata a una famosissima leggenda secondo cui Michelangelo, contemplando la sua creazione e stupito egli stesso dal realismo delle sue forme, l'avrebbe colpita con il martello in quel punto, esclamando: "Perché non parli?".

Infine è da notare che ai lati del Mosè sono collocate le due figure femminili di Rachele e Lia, simboleggianti rispettivamente la vita contemplativa e la vita attiva, sopra cui si staglia il sarcofago di Giulio II.

Ilaria Costanzo

 

Destinazione Roma - Scelti per voi:

Dove dormire a Roma vicino al balcone di Lucrezia Borgia Dove dormire nella zona: 

Casa IL ROSARIO a Roma   E’ una casa gestita dalle Suore di Carità Domenicane della Presentazione per offrire all’ospite che vuole soggiornare a Roma un luogo dove riposare comodamente e crescere spiritualmente attraverso la preghiera, il silenzio, l’accoglienza, il dialogo spirituale e l’orientamento turistico religioso. La Casa è situata nella Roma antica, vicina alla Stazione Termini, al Colosseo, al foro Romano, a Piazza Venezia, a Fontana di Trevi. Ambiente sereno con cappella, giardino interno, terrazza, sala di riunione. Aperta tutto l’anno per gruppi, famiglie e singoli.