Ospitalità e accoglienza religiosa in Italia 

Soggiorni per gruppi, singoli e famiglie nelle strutture religiose e laiche: Conventi, Monasteri, Eremi, Santuari, Case di accoglienza, Istituti e Case religiose, Foresterie, Case parrocchiali, Case per Ferie, Alberghi, Campeggi, Casali, Ostelli, Case alpine, B&B, Case Scout, Studentati, Terreni per tende

121.339
Posti letto

4.144
Strutture censite

1.676
Strutture aderenti

776
Accessi disabili

1145
Impianti sportivi

1081
Sale riunioni

Viterbo, storia e fede lungo i secoli

Posta sull’antico tracciato della Via Cassia, la città di Viterbo accoglie i visitatori con la sua imponente cerchia di mura turrite erette tra il XII e il XIV secolo a difesa di un centro storico di grande pregio artistico e ambientale, un eccezionale documento di urbanistica medioevale. Ritenuta di fondazione etrusca in un territorio ricchissimo di testimonianze archeologiche, Viterbo vanta una plurisecolare storia di relazioni con i più importanti poteri succedutisi dal secolo VII d. C. sino al XIV, quando – dopo lunghe e conflittuali vicende politiche e militari – perse progressivamente la sua autonomia per sottomettersi definitivamente al dominio della Chiesa di Roma.

Entrati da una delle imponenti porte risalenti al Cinquecento, la visita al centro storico può ben definirsi un viaggio nel tempo: la Via di San Lorenzo porta ai quartieri medioevali, lungo un asse nel quale si incontrano i prestigiosi Palazzi Chigi e Farnese (XV secolo) e che conduce nella Piazza intitolata al Santo nella quale si ergono la Cattedrale (edificata da maestranze lombarde nel XII secolo e modificata nel XVI) e il celeberrimo Palazzo Papale (eretto alla metà del Duecento). Simbolo di Viterbo, il Palazzo dei Papi si distingue per la sua finissima e scenografica architettura, contraddistinta da una scalinata esterna e da una loggia a 7 arcate di grande eleganza. Ad esso è legato l’autentico episodio del 1271, l’anno del conclave durato oltre 33 mesi sul quale intervenne il Capitano del Popolo per porvi fine facendo rimuovere il tetto della sala nella quale erano riuniti i cardinali.

Dalla Piazza San Lorenzo si accede all’antico Quartiere di San Pellegrino, suggestivo esempio di contrada duecentesca conservata pressoché integra: qui si colgono i particolari e le atmosfere di un tempo antico che incantano. Ed è città di chiese e di fontane, Viterbo, apprezzata per i suoi numerosi edifici religiosi, molti dei quali di impianto romanico, come S. Maria Nuova, S. Andrea, S. Sisto, S. Giovanni in Zoccoli, S. Marco. Il fervido culto di S. Rosa, patrona della città, alla quale è intitolato un santuario, suggella una plurisecolare storia di devozione che dura intatta dal XIII secolo.

 

Destinazione Viterbo - Scelti per voi:

Dove dormire a Viterbo Dove dormire nella zona:

Casa per Ferie RESIDENZA NAZARETH a Viterbo   La Residenza, fresca di ristrutturazione, pur situata nel centro del Quartiere Medievale di San Pellegrino, vanta ampi spazi interni e un parco privato dove e' possibile passeggiare e rilassarsi tra alberi secolari e da frutto ammirando la bellezza di alcuni tra i più rappresentativi monumenti di Viterbo.